Una porta tra gli Infiniti

L'anima e la mente, il corpo e lo spirito Nessun commento »

MIchelangelo dettaglio creazioneNel linguaggio sciamanico vi sono tre vie, o stati di coscienza, che definiscono l’essere umano e la realtà che lo circonda, e lo sciamano sa entrare in ciascuna di esse per trovare le risposte. La prima è il “Mondo di Mezzo“, e rappresenta la realtà fisica e materiale del corpo, nella quale vi è uno stato di coscienza che lo sciamano definisce “ordinario“, cioè legato alla percezione sensoriale e visiva che tutti conosciamo, in quanto ci viviamo quotidianamente. Questa è la via nella quale vengono utilizzati principalmente il corpo fisico e la mente, è un “cammino evolutivo” nel quale si condensano le qualità dell’anima che si mette alla prova in un percorso accidentato, la vita sul piano fisico, per un tempo stabilito.

Poi vi sono le altre due vie: il “Mondo di Sotto“, paragonabile a tutto ciò che vi è “dentro di noi”, nella “terra del nostro corpo”, le insondabili profondità dell’essere, ed il “Mondo di Sopra“, tutto ciò che vi è “fuori e al di là di noi”, lo spazio sconfinato fra ciò che possiamo toccare e l’infinito che si estende oltre il cielo e le stelle. Queste rappresentano due realtà “non ordinarie” per lo sciamano, perché vi si può accedere solamente con il “corpo sottile”, viaggiando cioè con un mezzo immateriale: l’anima, che può essere considerata come una sorta di astronave multisensoriale e multidimensionale, più potente di qualsiasi sonda spaziale che la Scienza possa inventare. Entrambe le vie hanno una vastità illimitata, poiché si estendono verso due altrettanti “infiniti” che paiono irraggiungibili, ma nei quali noi coesistiamo con un corpo più leggero, e con una coscienza ed una “Vista” ben più ampie. Questi due apparenti infiniti confluiscono tuttavia in “Uno” più immenso, che potremmo definire la “Reale Realtà“, ovvero il “Tutto” nel quale siamo immersi. Leggi il resto di questo post »

Le “porte dimensionali” dell’Anima

La sacra geometria dell'anima Nessun commento »

BuddhaNoi siamo un punto di “luce energia”. Il nostro corpo è abitato da un astro che gli dà vita e pensiero, e gli permette di volgersi ed aprirsi in tutte le direzioni, esattamente come una stella i cui raggi si propagano dal suo centro ed attraversano lo spazio infinto. In realtà, la nostra coscienza si sviluppa da un punto focale, l’atto della creazione che ci ha permesso di “nascere” e di “esistere”, ed evolve in continuazione scoprendo se stessa ogni giorno di più.

Torniamo ad immaginare e visualizzare l’”astro” che abbiamo dentro, scopriremo le infinite radiazioni che emana in forma di pensieri, azioni, suoni, creazioni spontanee che possono apparirci come innumerevoli “porte” che si aprono verso altrettanti luoghi o dimensioni. Varcando tali soglie possiamo accedere ai mondi sottili e paralleli in cui portano, possiamo realmente “vedere” e “toccare” ogni dettaglio che si mostra a noi. Questa esperienza, nel pensiero comune viene spesso considerata un’immaginazione, ovvero una costruzione della nostra mente, ma non è così. Questi sentieri interiori che s’inoltrano al centro del nostro essere, sviluppano e risvegliano in noi le sottili qualità della nostra anima che si manifestano in tutto ciò che creiamo, tutto ciò che “nasce da noi“, dai nostri talenti, come l’arte, la musica, la poesia. Leggi il resto di questo post »

Oltre il velo del tempo, un abbraccio di anime

Oltre la vita Nessun commento »

245436Mi appare con la sfumatura di un sorriso antico… il ricordo di un volto amico che inaspettatamente s’è involato oltre la cortina che avvolge il confine delle nostre vite terrene… il timbro d’una voce calda ch’era un tempo compagna ed ora lentamente s’è avviata per quel sentiero che risale la collina… Non posso dimenticare quel lungo tratto percorso insieme… la complicità dei pensieri e la bellezza degli istanti… il calore del fuoco nel camino e l’interminabile discorrere delle vite… il sapore di un’amicizia antica che mai aveva pensato di smarrirsi, di non poter ritrovare la via soleggiata e ridente di un tempo… Non sapeva allora che la burrasca giunge senza battere alla porta… E così la tempesta s’è abbattuta con fragore e le voci si sono taciute perché tanto era il frastuono… Leggi il resto di questo post »

Il sonno delle menti

Terra, terra... dov'è la mia terra? 1 Commento »

guerinca Eppure sarebbe così semplice! La soluzione ai nostri enigmi è contenuta in un banale calcolo che ciascun uomo sulla Terra è in grado di fare. Non servono particolari alchimie matematiche, pareggi di bilancio, salite o discese dello spread, necessità di rilanciare i consumi per favorire la crescita, ed interminabili discussioni fra giornalisti, economisti e politici alla ricerca di soluzioni immaginifiche per le sorti del pianeta, o quant’altro ci viene propinato ogni giorno alla televisione dalle menti sopraffini. Non servono neanche i vessilli delle diverse culture o delle differenti religioni, per scoprire un po’ di Umanità e di Verità, per trovare la giusta via del “Ben-Essere” globale e individuale. Tutto questo mi pare un dialogo vuoto di menti dormienti.

Quanto spendiamo a livello mondiale in armamenti? Quanta energia, pensieri, studi, materie prime, inquinamento ed avvelenamento del suolo, distruzioni generalizzate di territori ed abitazioni dovute alle guerre, spreco di menti che inventano armi sofisticate, quotidiane uccisioni indiscriminate. L’elenco sarebbe certamente molto più lungo di queste poche righe, e se dovessimo, da capaci calcolatori, appuntarvi una cifra totale in fondo, credo che non basterebbero tutte le pagine di questo blog per contenerla. Leggi il resto di questo post »

EXPO: “Nutrire il PIANETA” o la sua ANIMA?

Terra, terra... dov'è la mia terra? Nessun commento »

2013_12_24_space-nasa-500x450_rsz_crp_crpUn evento mondiale, una vetrina dai mille colori, architetture affascinati, un tema che pare  suggerire grandi riflessioni, o forse interminabili dibattiti con valanghe di parole, che lascia intuire un potenziale quanto effimero impegno dei “Grandi” contro la fame, il sottosviluppo, la povertà, l’incultura, con il fine di cercare la via di un migliore equilibrio nel mondo? Ma siamo certi che i Grandi abbiano davvero a cuore questi temi? Siamo certi che i pochi detentori delle ricchezze del Pianeta siano diventati così buoni da volerle suddivire equamente con tutti gli altri? Oppure, come sempre accade, veniamo abbagliati dalle luci sfavillanti abilmente disposte per depistare i nostri pensieri? Non è che a sostenere questi abili cervelli che dominano il mondo ci siamo tutti noi, “poveri ricchi” con le nostre piccole case, le nostre vecchie e nuove automobili, i nostri bassi stipendi, ed il nostro bisogno di qualcosa in più, qualcosa di meglio che tuttavia non riusciamo ad inquadrare, a mettere a fuoco? O forse ci stiamo illudendo di essere gli invitati d’onore al “ballo mascherato” dei buoni propositi, fingendo di non sapere che è solo un grande business per le tasche dei soliti noti? Leggi il resto di questo post »

CMS: WordPress - Tema e Icone di N.Design Studio
Articoli RSS Commenti RSS Collegati