Noi, esseri immortali puri e perfetti

Meditazione Nessun commento »

mamma e bimboEntro con passo lieve in questo spazio sacro, che per me è come un universo sottile, un luogo della mia anima, una creazione del mio Spirito interiore, e mi accingo a scrivere ciò che risale dalle radici. Lo faccio con spirito leggero. Poso le dita sui piccoli tasti del portatile e lascio scorrere il flusso dei pensieri. Ogni tasto apre una porta, una dimensione. Mi pare di digitare codici stellari che lentamente delineano una rotta verso il cosmo che mi ruota intorno. Devo cercare, devo scavare avanti a me. Ogni parola, ogni pensiero, ogni suono, evocano e visualizzano immagini che lentamente si compongono sulla retina della mia coscienza.

Ascolto il mio respiro e mi lascio scorrere in queste acque cristalline che gorgogliano nel profondo. Lentamente cerco la giusta sintonia per raggiungere la soglia del territorio dell’anima. È un passaggio appena percepibile, un velo di luce nella penombra, lo scorgo di fronte a me, ed il mio passo avanza sicuro. Leggi il resto di questo post »

Le “porte dimensionali” dell’Anima

La sacra geometria dell'anima 3 Commenti »

BuddhaNoi siamo un punto di “luce energia”. Il nostro corpo è abitato da un astro che gli dà vita e pensiero, e gli permette di volgersi ed aprirsi in tutte le direzioni, esattamente come una stella i cui raggi si propagano dal suo centro ed attraversano lo spazio infinto. In realtà, la nostra coscienza si sviluppa da un punto focale, l’atto della creazione che ci ha permesso di “nascere” e di “esistere”, ed evolve in continuazione scoprendo se stessa ogni giorno di più.

Torniamo ad immaginare e visualizzare l’”astro” che abbiamo dentro, scopriremo le infinite radiazioni che emana in forma di pensieri, azioni, suoni, creazioni spontanee che possono apparirci come innumerevoli “porte” che si aprono verso altrettanti luoghi o dimensioni. Varcando tali soglie possiamo accedere ai mondi sottili e paralleli in cui portano, possiamo realmente “vedere” e “toccare” ogni dettaglio che si mostra a noi. Questa esperienza, nel pensiero comune viene spesso considerata un’immaginazione, ovvero una costruzione della nostra mente, ma non è così. Questi sentieri interiori che s’inoltrano al centro del nostro essere, sviluppano e risvegliano in noi le sottili qualità della nostra anima che si manifestano in tutto ciò che creiamo, tutto ciò che “nasce da noi“, dai nostri talenti, come l’arte, la musica, la poesia. Leggi il resto di questo post »

Il sonno delle menti

Terra, terra... dov'è la mia terra? 1 Commento »

guerinca Eppure sarebbe così semplice! La soluzione ai nostri enigmi è contenuta in un banale calcolo che ciascun uomo sulla Terra è in grado di fare. Non servono particolari alchimie matematiche, pareggi di bilancio, salite o discese dello spread, necessità di rilanciare i consumi per favorire la crescita, ed interminabili discussioni fra giornalisti, economisti e politici alla ricerca di soluzioni immaginifiche per le sorti del pianeta, o quant’altro ci viene propinato ogni giorno alla televisione dalle menti sopraffini. Non servono neanche i vessilli delle diverse culture o delle differenti religioni, per scoprire un po’ di Umanità e di Verità, per trovare la giusta via del “Ben-Essere” globale e individuale. Tutto questo mi pare un dialogo vuoto di menti dormienti.

Quanto spendiamo a livello mondiale in armamenti? Quanta energia, pensieri, studi, materie prime, inquinamento ed avvelenamento del suolo, distruzioni generalizzate di territori ed abitazioni dovute alle guerre, spreco di menti che inventano armi sofisticate, quotidiane uccisioni indiscriminate. L’elenco sarebbe certamente molto più lungo di queste poche righe, e se dovessimo, da capaci calcolatori, appuntarvi una cifra totale in fondo, credo che non basterebbero tutte le pagine di questo blog per contenerla. Leggi il resto di questo post »

Uno sguardo oltre la “soglia” dell’Infinito

Oltre la vita 2 Commenti »

Amore di Anime - Foto M. PreziosoUn velo di cristallo ci separa, una porta invisibile ci unisce a quel mondo sottile che a volte percepiamo alle nostre radici come un respiro arcano che si estende oltre la soglia della nostra vita terrena. Non sappiamo da  dove giunge, tuttavia lo sentiamo vivere in noi come un flusso di energia fresca e chiara che guida e conduce la nostra vita fin dalla nascita. Vi è un mondo invisibile che fluisce sia dietro sia avanti a noi, un’infinita linea circolare che attraversa lo Spazio e solca le galassie per ricongiungersi con le proprie origini, con la scintilla divina che le ha dato soffio e vita. Questa traccia che noi lasciamo nell’aria e nella terra è composta da miliardi di particelle di luce che contengono la memoria cosmica del nostro DNA divino.

Noi pensiamo di essere fatti di cellule e materia densa, ma in realtà l’essenza del nostro corpo è composta di acqua e di luce. Per questo siamo esseri immortali, al di là delle nostre convinzioni e delle nostre conoscenze che sono assai limitate. In noi risuonano il respiro del mare ed il nucleo atomico di una stella, il vento e la  nuvola, la pietra ed il granello di sabbia, poiché siamo depositari di una traccia di Infinito. E per Infinito intendo il Tutto che esiste, il Tutto che prende forme ed aspetti diversi esaltando in essi i colori e i suoni di ogni suo più minuscolo frammento. Osservando la morte possiamo leggervi le impronte del tempo eterno, il muto scambio da un corpo ad un altro, l’abbraccio fraterno di un’anima con l’altra, lo sguardo interiore che sa varcare la soglia con passo lieve, lasciando a terra i fardelli terreni, portando con sè solamente la sporta del cuore. Leggi il resto di questo post »

Goccia, goccia dov’è il tuo oceano?

Meditazione Nessun commento »

the-lesser-reef-nebula_1024x768_blogdowallpaper“Questo pensiero è come un raggio celeste che fuoriesce dal cuore. Queste parole semplici paiono essere leggere come sorrisi. Ed io mi sento di navigare a bordo di un’astronave che orienta il timone verso nuove terre, nelle quali l’Armonia del Silenzio è un “suono” presente e fluttuante, un suono ricco di sfumature e di riflessi cristallini che sfiorano le onde del tempo terreno, lasciandovi tracce ben visibili, indizi di una rotta che volge verso l’Oltre.

Un respiro profondo risale le correnti e subito il flusso di energia vitale attraversa il corpo come una linfa dorata che trasporta la voce del mare, la voce sottile e fresca dell’anima che parla e mostra l’ingresso del giardino interiore. Un misto di profumi e fragranze avvolge la coscienza vigile che pare disperdersi in una miriade di puntini che danzano sulle dita e sul corpo, il quale via via s’abbandona al suo respirare perdendo la consistenza fisica, divenendo immobile come una pietra, come un cristallo rivolto al cielo. Leggi il resto di questo post »

CMS: WordPress - Tema e Icone di N.Design Studio
Articoli RSS Commenti RSS Collegati