Noi, esseri immortali puri e perfetti

Meditazione Nessun commento »

mamma e bimboEntro con passo lieve in questo spazio sacro, che per me è come un universo sottile, un luogo della mia anima, una creazione del mio Spirito interiore, e mi accingo a scrivere ciò che risale dalle radici. Lo faccio con spirito leggero. Poso le dita sui piccoli tasti del portatile e lascio scorrere il flusso dei pensieri. Ogni tasto apre una porta, una dimensione. Mi pare di digitare codici stellari che lentamente delineano una rotta verso il cosmo che mi ruota intorno. Devo cercare, devo scavare avanti a me. Ogni parola, ogni pensiero, ogni suono, evocano e visualizzano immagini che lentamente si compongono sulla retina della mia coscienza.

Ascolto il mio respiro e mi lascio scorrere in queste acque cristalline che gorgogliano nel profondo. Lentamente cerco la giusta sintonia per raggiungere la soglia del territorio dell’anima. È un passaggio appena percepibile, un velo di luce nella penombra, lo scorgo di fronte a me, ed il mio passo avanza sicuro. Leggi il resto di questo post »

Uno sguardo oltre la “soglia” dell’Infinito

Oltre la vita 2 Commenti »

Amore di Anime - Foto M. PreziosoUn velo di cristallo ci separa, una porta invisibile ci unisce a quel mondo sottile che a volte percepiamo alle nostre radici come un respiro arcano che si estende oltre la soglia della nostra vita terrena. Non sappiamo da  dove giunge, tuttavia lo sentiamo vivere in noi come un flusso di energia fresca e chiara che guida e conduce la nostra vita fin dalla nascita. Vi è un mondo invisibile che fluisce sia dietro sia avanti a noi, un’infinita linea circolare che attraversa lo Spazio e solca le galassie per ricongiungersi con le proprie origini, con la scintilla divina che le ha dato soffio e vita. Questa traccia che noi lasciamo nell’aria e nella terra è composta da miliardi di particelle di luce che contengono la memoria cosmica del nostro DNA divino.

Noi pensiamo di essere fatti di cellule e materia densa, ma in realtà l’essenza del nostro corpo è composta di acqua e di luce. Per questo siamo esseri immortali, al di là delle nostre convinzioni e delle nostre conoscenze che sono assai limitate. In noi risuonano il respiro del mare ed il nucleo atomico di una stella, il vento e la  nuvola, la pietra ed il granello di sabbia, poiché siamo depositari di una traccia di Infinito. E per Infinito intendo il Tutto che esiste, il Tutto che prende forme ed aspetti diversi esaltando in essi i colori e i suoni di ogni suo più minuscolo frammento. Osservando la morte possiamo leggervi le impronte del tempo eterno, il muto scambio da un corpo ad un altro, l’abbraccio fraterno di un’anima con l’altra, lo sguardo interiore che sa varcare la soglia con passo lieve, lasciando a terra i fardelli terreni, portando con sè solamente la sporta del cuore. Leggi il resto di questo post »

La Via dell’immortalità: “risveglia la tua VISTA”

Meditazione 3 Commenti »

Sempre di più “risuona” il “GRANDE SILENZIO” che risale dalle profondità dell’abisso interiore come una lifa di saggezza e di pace. Sempre di più il bisogno di questa sottile ed immensa ARMONIA si fa strada nella mente, come un nutrimento indispensabile per l’anima ed il corpo. Ti disponi ad attraversare il portale di cristallo che si staglia d’innanzi a te. Una luce morbida ed intensa ti richiama alle sue fonti, come una sorgente diamantina. Ti senti attirato da un flusso silenzioso ed il tuo corpo, la tua mente, paiono svanire in una sorta di incanto luminscente. Tutto il tuo essere comincia a “vibrare” ad una frequenza diversa, una frequenza sottile e penetrante che ti porta al di là della dimensione terrena.

Una PACE smisurata risuona in te come un balsamo guaritore che distende tutte le tensioni e scioglie l’anima dai lacci del corpo,  dalle prigioni della mente. Vorresti rimanere in questo stato di coscienza all’infinito! Hai una sensazione di assoluta leggerezza e di “PRESENZA” a te stesso ed alla realtà che ti circonda, come un flusso di luce e di acqua celesti che producono un “GRANDE SUONO”. Ti senti più che mai “vivo” e consapevole della forza vitale, della forza divina che agisce e si espande in cerchi di luce e di colore, dal centro del tuo essere. Leggi il resto di questo post »

L’Energia che può salvare il pianeta

La malattia e il risveglio interiore 4 Commenti »

C’è bisogno di Pace, di Silenzio, di Armonia. Il linguaggio dei terrestri è diventato incomprensibile. La lingua degli uomini percorre il pianeta come un sordo e grigio chiaccherio, insulso, vago e superbo. È polvere nel vento che accieca gli occhi ed il cuore. Siamo diventati esseri cupi e chiusi nelle ombre dei nostri labirinti mentali. Conduciamo una vita senza equilibrio, una vita frenetica che induce il “sonno profondo” della coscienza. Effettivamente abbiamo l’impressione di fare tante cose dalla mattina alla sera, ma in realtà siamo ipnotizzati dal materialismo che abbiamo creato, e che ci imprigiona in un piccolo recinto, nel quale lentamente soffochiamo senza consapevolezza.

Abbiamo perso il contatto profondo con la Natura, con la Madre Terra, distruggendola ed avvelenandola come bambini sciocchi. Ora un destino oscuro incombe su di noi. Tronfi del nostro “avere”, abbiamo dimenticato la “spiritualità” innata sbarrando l’ingresso alla Via del Cuore. Riusciremo a risvegliarci? Sapremo recuperare un barlume di saggezza? Leggi il resto di questo post »

Lo sciamano che c’è in te. Il “viaggio” nei mondi sottili

Il Maestro interiore 2 Commenti »

indianoTempo fa, in una trance particolare, si aprì al mio sguardo la porta dimensionale di uno degli infiniti mondi sottili e vidi Elia, il mio “Bianco Maestro”, seduto di fronte a me con un sorriso radioso. I suoi occhi chiari penetrarono il mio cuore portandomi indietro nel tempo ed improvvisamente apparve un grande fuoco al centro di un accampamento indiano.

Mi sentii proiettato in un tempo oltre il tempo e percepii un ritmo diverso pulsare alle mie radici. Un respiro ancestrale risalì le correnti del cuore trasmettendo vibrazioni intense alla mia mente che venne inondata da un potente flusso di energia, di suoni e di parole. Danzai davanti al grande fuoco e cantai, con voce diafana, emettendo sottili parole sconosciute che risuonarono come scintille nell’aura di un sogno. Ero un vecchio sciamano ed il mio cuore batteva con il tamburo. Leggi il resto di questo post »

CMS: WordPress - Tema e Icone di N.Design Studio
Articoli RSS Commenti RSS Collegati